Sensibilità dentale

by francesco

Molte persone possono accusare un fastidio o anche un dolore quando cibi dolci o acidi oppure caldi o freddi vengono a contatto con le zone del colletto dei denti: i denti sono in pratica diventati molto sensibili, o per meglio dire, si soffre di un disturbo noto come ipersensibilità dentinale.

I fattori che determinano la sensibilità dentale sono molti:

  • un errato spazzolamento dei denti insieme all’uso di dentifrici troppo abrasivi può provocare l’esposizione della dentina attraverso l’usura dello smalto (abrasione) e la retrazione del margine gengivale (recessione gengivale)
  • l’assunzione frequente di bevande o cibi acidi (spremute di arancia o pompelmo, succhi di frutta, bibite, yogurt) può provocare lesioni dello smalto, specialmente se li si consuma freddi o prima di coricarsi
  • condizioni di reflusso acido dallo stomaco o dal vomito frequente tipico dei disturbi alimentari (anoressia e bulimia) e della gravidanza

Molto spesso la cura si basa su semplici raccomandazioni che possono essere adottate facilmente a casa:

  • seguire un corretto programma di igiene orale
  • utilizzare dentifrici poco abrasivi e al fluoro
  • applicare minor forza allo spazzolamento
  • limitare l’assunzione di bevande acide

Altre volte la cura può richiedere trattamenti con sostanze desensibilizzanti ad azione topica o terapie restaurative o parodontali che verranno effettuati dal dentista.

Per aiutarti a prevenire o gestire l'ipersensibilità dentale

  • Pulisci ogni giorno correttamente i denti mediante spazzolino e filo/scovolino interdentale. In caso di incertezze sul loro corretto uso, chiedi al tuo dentista di mostrarti le tecniche e gli strumenti più adatti alla tua bocca.
  • Controlla i fattori che stimolano l’ipersensibilità dentale, quali l’uso di dentifrici molto abrasivi (ad es. a base di bicarbonato o con sistemi sbiancanti), l’uso eccessivo di bevande acide, spazzolini con setole dure o inappropriate per la tua bocca.
  • Richiedi al tuo dentista il trattamento desensibilizzante più idoneo alla tua condizione.